Sogniamo in grande

Imbarcare è solo l'inizio

COME LAVORARE A BORDO DELLE NAVI DA CROCIERA

Aggiornato il: mar 27

Lavorare a bordo di una compagnia italiana o estera? Cosa valutare?

La domanda principale che devi farti per decidere dove mandare il curriculum è se vuoi lavorare per una compagnia italiana o una straniera o se cerchi qualcosa di più esclusivo (crociere di lusso e con standard elevatissimi) perché hai già una solita esperienza alle spalle.

Alcuni fattori importanti da considerare quando si lavora per le compagnie straniere sono il mancato versamento dei contributi per la pensione, la diversa dichiarazione delle tasse e lo stipendio guadagnato in dollari. Se lavori per una compagnia straniera, molto probabilmente non ti sarà versato nulla all’INPS e quindi sarà tua responsabilità pensare ad una pensione privata. Per quanto riguarda le tasse, non sei tenuto a dichiarare nulla in Italia se superi un certo numero di giorni all’estero ogni anno (183 giorni, ma ti consiglio di verificare sempre questa informazione nel caso di cambiamenti legislativi).

Per quanto riguarda l’indennità di disoccupazione dovrai far richiesta da “rimpatriato” e puoi ottenerla solo ogni 12 mesi di lavoro complessivi di cui 7 all’estero. Una fregatura se i tuoi imbarchi sono di circa 5 mesi ciascuno. Anche in questo caso, ti invito a controllare sempre le informazioni aggiornate sul sito dell’INPS.

Imbarcare per una compagnia italiana ti permette di avere una vita fiscale più facile: Costa Crociere, al momento, propone contratti italiani, sussidio di disoccupazione quando si è a terra e contributi pagati all’INPS; MSC Crociere è un misto ambiguo: il contratto si firma a Napoli, i contributi risultano all’INPS ma allo stesso tempo non ti permette fare richiesta di disoccupazione perché batte bandiera panamense o maltese a seconda della nave.

In entrambi i casi, però, percepisci lo stipendio in euro e non ti devi preoccupare di improvvise svalutazioni della moneta.

Inoltre, Costa e MSC sono le uniche due compagnie in cui parlare italiano è fondamentale: in tutti gli altri casi, sapere più lingue è una marcia in più ma non è un requisito necessario in quanto la lingua ufficiale è solo l’inglese e i passeggeri sono quasi totalmente anglofoni. Le uniche eccezioni dove è necessaria una seconda lingua sono la Pullmantur (spagnolo), Aida e Mein Schiff (tedesco), Compagnie du Ponant e Croisière de France (francese).

Ti consiglio di leggere questo articolo dove sono presenti molte informazioni preziose da sapere prima di iniziare a lavorare a bordo.


Dove mandare il curriculum

Hai scelto per quale compagnia vorresti lavorare? Cosa ti piace di più o ti interessa? Hai valutato gli itinerari o il tipo di posizioni offerte? Può capitare che alcuni siti lascino la possibilità di inviare candidature spontanee, altri invece, hanno una lista di posizioni disponibili, però non significa necessariamente che stiano cercando con urgenza.

A differenza di molti paesi dove si viene assunti tramite un’agenzia intermediaria, dall’Italia ci si può candidare direttamente sul sito delle singole compagnie. Tuttavia, se ti vuoi candidare come artista, ballerino, musicista o una qualsiasi altra figura dello spettacolo, devi prima mandare il tuo curriculum ad agenzie specializzate per l’intrattenimento di bordo. Te ne parlerò più avanti.






Siti dove inviare la propria candidatura

Clicca sul pulsante per essere automaticamente indirizzato alla pagina “Lavora con noi” di ogni singola compagnia.

MSC CROCIERE AZAMARA TUI CRUISES – MEIN SCHIFF OCEANIA HOLLAND AMERICA CUNARD DISNEY VARIETY CRUISES CELESTYAL CRUISES VIRGIN COSTA CROCIERE CELEBRITY SILVERSEA REGENT PRINCESS P&O STAR CLIPPER SEA DREAM YATCH CLUB CRUISES COMPAGNIE DU PONANT HURTIGRUTEN ROYAL CARIBBEAN PULLMANTUR NCL CARNIVAL SEABOURN WINDSTAR CRUISES PAUL GAUGUIN CRYSTAL VIKING AUSTRALIS

Dove candidarti se sei un professionista dello spettacolo

Se sei un cantante, un musicista, un ballerino, un acrobata ecc ecc, avrai molte più possibilità di trovare impiego a bordo se ti candidi tramite delle agenzie intermediarie che lavorano esclusivamente per questo scopo. In alcuni casi potrebbe esserti richiesto un video o una canzone in modo da valutare la tua performance. Spesso sono anche inclusi lavori come tecnico delle luci e del suono, DJ e intrattenimento in generale.

SELECTION WEB THE STAGE UBI MAJOR CAMUS ROSSETTI (SOLO MUSICISTI) BACKSTAGE PROSHIP ENTERTAINER

Ulteriori corsi e informazioni per lavorare a bordo

Negli ultimi anni sono nate nuove opportunità per fare carriera a bordo. Spesso, le singole province mettono a disposizione corsi che preparano a specifiche posizioni da ricoprire a bordo. Costa Crociere e MSC Crociere propongono ciclicamente diversi corsi per il dipartimento Hotel che, oltre a formarti, ti permettono l’ottenimento dei corsi obbligatori per l’imbarco (che fatti autonomamente sono carissimi!) e un tirocinio/contratto. Controlla i siti Accademia Ospitalità Crociere e Accademia Turismo del Mare per scoprire quali corsi sono disponibili al momento.

Altri siti che puoi consultare per la ricerca del lavoro o di corsi specifici per il turismo sono: Formazione TurismoAll Cruise Jobs e Cruise Job Finder.

Quali documenti e certificati servono per imbarcare?

È ovvio che quando fai domanda ad una compagnia e sei preparato a livello di documentazione, hai sempre una marcia in più. I requisiti obbligatori sono: i corsi STCW95, il passaporto e/o il libretto di navigazione, la visita medica biennale, eventuali visti (come il C1/D per gli Stati Uniti) e vaccinazioni per la febbre gialla.

Se sei al primo contratto in assoluto, è normale che tu ancora non abbia tutti questi documenti e le compagnie non si aspettano per forza che tu li abbia. La maggior parte delle volte si ottiene il certificato STWC95 solo dopo aver avuto la conferma di imbarco, lo stesso vale per la visita biennale e il visto per gli USA che puoi ottenere solo presentando lettere che attestino il tuo incarico a bordo. Non ti preoccupare, ti daranno il tempo per ottenere tutto e normalmente sono da considerare un paio di mesi.

I corsi STCW95

L’acronimo sta per Standards of Training, Certification and Watchkeeping for Seafarers, ovvero è la Convenzione internazionale sugli standard di addestramento. Questa abilitazione deve essere certificata dalla Capitaneria di Porto e comprende:

  1. Sicurezza e responsabilità sociali

  2. Sopravvivenza e salvataggio 

  3. Antincendio di base 

  4. Primo soccorso sanitario elementare

  5. Familiarizzazione alla security

Il corso STCW95 è obbligatorio per tutte le persone che vogliono lavorare a bordo, a prescindere dal ruolo ricoperto, ed è riconosciuto a livello internazionale. Per chi si imbarca per la prima volta il costo è di solito a proprio carico e a seconda della città può variare dagli 800€ ai 1300€. Ho seguito questo corso della durata di due settimane a Genova: teoria e prove pratiche + esame finale.

[Clicca qui per sapere quali sono i centri autorizzati in Italia al rilascio dei certificati STCW95.]

Visite mediche

Esiste un documento che si chiama “visita biennale” che tutti coloro che lavorano a bordo devono avere in corso di validità. Può essere fatto presso la Cassa Marittima se si possiede il libretto di navigazione o, se ci si imbarca con passaporto, va compilato dal medico di famiglia una volta raccolti tutti gli esiti degli esami fatti tramite ASL o privati. Le visite comprendono un po’ tutto: vista, udito, cuore, polmoni, esami approfonditi del sangue ecc.

Libretto di Navigazione

Alcune compagnie di navigazione imbarcano il proprio personale tramite libretto di navigazione e non passaporto (con la procedura che ho spiegato prima, quindi). Le tempistiche sono circa le stesse e in ogni caso vanno ottenuti i certificati del STCW95 per essere abilitato ad imbarcare.

Che step ho seguito per ottenere il Libretto di Navigazione?

Dopo aver navigato per un anno e mezzo “a passaporto” la compagnia mi ha richiesto il Libretto di Navigazione. I processi da seguire sono semplici ed è quasi a costo zero, tranne che per le visite mediche e i corsi STCW95 (se non già in possesso).

  1. Mi sono informata presso la Capitaneria di Porto della mia città per richiedere l’immatricolazione alla Gente di Mare e ho richiesto precisamente tutti i documenti da fornire.

  2. Ho prenotato le visite mediche necessarie: – esami del sangue e delle urine – certificato del gruppo sanguigno – elettrocardiogramma – raggi x al torace – vaccino contro il tetano Una volta ottenuti i referti, ho prenotato la visita ufficiale presso la Sanità Marittima, dove ho dovuto portare tutti i documenti in originale. Va prenotata con anticipo perché i tempi di attesa possono essere lunghi.

  3. Esame di nuoto e voga, altro step importante per il conseguimento del Libretto. Gli esami sono effettuati solo in alcuni giorni al mese, informatevi con anticipo.

  4. Bollettino da pagare di circa 30 euro.

  5. Fotografie per i documenti.

Una volta portati tutti i documenti e compilata la richiesta di immatricolazione, è necessario attendere ancora mese per ottenere “fisicamente” il libretto di navigazione, altrimenti viene comunque rilasciato un foglio provvisorio. Le tempistiche, come vedete, sono un po’ lunghe e dovete considerare almeno due mesi complessivi.

Sei pronto/a ad affrontare questa nuova avventura? Mi rendo conto che questo articolo sia un bel mattone, ma dopo averlo letto hai una idea ben chiara di come muoverti e come sarà l’iter burocratico da seguire. Spero che ti sia stato di aiuto… se sì, lascia un commento, iscriviti alla nostra community su Facebook o comunque facci sapere che ci sei!

6 visualizzazioni

© 2018 I marchi ed i Segni distintivi sono concessi in licenza